Monatsarchiv: Juli 2014

Tagesseminar mit Reiner Elmar Feistle – 21. September 2014

Feistle Seminar 2 Feistle Seminar 1

Advertisements

Hinterlasse einen Kommentar

Eingeordnet unter ETs und Kontakte, Vorträge

Vortrag Reiner Elmar Feistle – 20. September 2014

 
Reiner Elmar Feistle 1 Reiner Elmar Feistle 2

Hinterlasse einen Kommentar

Eingeordnet unter ETs und Kontakte, Vorträge

La strage di Ustica / Das Massaker von Ustica

Dopo 34 anni la Francia ha deciso a sorpresa di collaborare
all’inchiesta sulla strage di Ustica. E le prime ammissioni fatte da alcuni ex
militari dell’Armeé de l’air ai pubblici ministeri di Roma – stando a quanto
trapela da fonti di stampa – sbugiardano quella che è stata fino ad oggi la
versione ufficiale di Parigi sui fatti del 27 giugno 1980. Le informazioni raccolte dal procuratore aggiunto Maria Monteleone e dal sostituto Erminio Amelio dimostrerebbero che i famosi caccia francesi della base di Solenzara in Corsica non tornarono a terra intorno alle 17, cioè quattro ore prima dell’esplosione del Dc9 Itavia. Volarono invece fino a tarda sera.
La questione non è esattamente un dettaglio, visto che tra le ipotesi più
accreditate per spiegare perché l’aereo civile si inabissò con i suoi 81
passeggeri tra le isole di Ponza e Ustica, c’è appunto quella che possa essere stato abbattuto da un caccia francese. Da fonti governative d’Oltralpe, e dalla procura di Roma, arriva un secco „no comment“ sull’attività investigativa in corso. Ma nessuno ha smentito la notizia che una decina di ex militari della base di Solenzara siano stati ascoltati dai pm italiani. I colleghi francesi sarebbero anche disposti ad aprire gli archivi della Difesa per ricostruire i movimenti di cacciabombardieri e unità navali nel mar Tirreno, la notte dell’incidente.

La svolta è di quelle di un certo peso per il prosieguo delle indagini e non può che essere stata decisa dai massimi livelli politici. Il governo del presidente Francois Hollande aveva già mostrato una nuova sensibilità verso l’Italia sulla strage di Ustica, quando l’anno scorso aveva risposto a una rogatoria della procura di Roma trasmessa nel 2011. Parigi ammise che la Foch e la Clemenceau, due portaerei, incrociavano nel Mediterraneo in quel periodo, seppure in giorni diversi da quello della strage. Una risposta parziale, ma comunque un segnale positivo.
Ai pm romani interessa, in particolare, ricostruire il traffico aereo, capire se era in corso o no un’esercitazione militare, capire se c’erano navi nell’area di mare in cui è precipitato il DC9. Un punto, questo, che è diventato di „notevole interesse investigativo“ dopo la testimonianza di un pilota dell’Ati raccolta per caso un anno fa, il quale ha riferito che la sera precedente il disastro sorvolò l’isola notando alcune navi, tra cui appunto una portaerei. Inizialmente le autorità francesi avevano sostenuto di non poter rintracciare con precisione chi, la notte dell’incidente, fosse in servizio alla base di Solenzara. Ciò aveva portato allo stallo delle indagini, perché gli indizi e i documenti raccolti conducevano proprio nella direzione dello scenario „da guerra aerea“. I tabulati dei radar di Poggio Ballone, infatti, mostravano le tracce di due apparecchi in volo verso Ustica „in orari compatibili“, e la conferma che quei segnali corrispondessero a dei caccia era stata fornita dalla
Nato al giudice istruttore Rosario Priore. La nazionalità dei mezzi, però, non è stata mai accertata. E poi c’è la testimonianza del generale dei Carabinieri Antonio Bozzo che quel giorno si trovava in vacanza con la famiglia proprio a Solenzara e sostiene di aver visto decollare gli aerei fino dopo la mezzanotte. Il primo a parlare della „pista francese“ era stato l’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga: nel 2007 mise a verbale che a far esplodere il Dc9 era stato un missile aria-aria lanciato da un caccia partito da una portaerei, nel tentativo di intercettare un aereo libico con a bordo il colonnello Gheddafi. La svolta di Parigi potrebbe finalmente portare alla luce la verità su quel 27 giugno di trentaquattro anni fa, chiudendo definitivamente nel cassetto l’ipotesi del „cedimento strutturale“. (repubblica del 27.6.2014)

E da ringraziere questa nuova svolta nel fatto di Ustica. Dopo 34 anni! Noi ci chiediamo pero‘ se veramente dicono tutta la verità!?

Strano anche la coincidenza con il fatto attuale del MH370 nel oceano pacifico. Anche li si deve aspettare 34 anni per sapere la verità? E quale verità?

Das Massaker von Ustica

Nach 34 Jahren haben sich die französischen Behörden bereit erklärt den Fall aufzuklären. Damals stürzte ein italienisches Passagierflugzeug ins Mittelmeer ab. Wahrscheinlich von französischen NATO-Kampfflugzeuge abgeschossen. Doch niemand äusserte sich damals über den Vorfall. Zeugen wurden mundtot gemacht. Eine Zumutung, um nicht zu sagen eine absolute menschenverachtendes Verhalten gegenüber allen Angehörogen. Ob wirklich die ganze Wahrheit ans Licht kommt bleibt vorerst offen.

Der Fall ähnelt dem Flug von MH370.

Es gibt auch eine Theorie wonach damals Ufos über das Mittelmeer flogen und diese von der NATO abgeschossen werden sollten und dabei das Passiergierflugzeug getroffen wurde. Inoffiziell heisst es auch, dass ein lybisches Flugzeug mit Gadaffi damals übers Mittelmeer flog und dieses als Ziel vorgesehen war. Umberto Telarico hat sich der Sache angenommen und ein Buch darüber geschrieben, leider zur Zeit nur in italienischer Sprache.

Le massacre d’Ustica

Après 34 ans, les autorités françaises ont accepté de résoudre l’affaire. À l’époque, un avion de passagers italienne s’est écrasé dans la Méditerranée. Probablement abattu par des avions de combat français. Mais personne ne commente au moment de l’incident. Témoins ont été réduits au silence. Une imposition, pour ne pas dire un comportement inhumain absolue envers tous les membres de la famille. Que vraiment toute la vérité vient à la lumière reste ouverte pour le moment.

Le cas est similaire au vol de MH370.

Il y a aussi une théorie que à l’époque on a volou abattre des OVNI (Umberto Telarico)

 The Massacre of Ustica

After 34 years, the French authorities have agreed to solve the case. At that time, an Italian passenger plane crashed off into the Mediterranean. Probably shot down by French NATO warplanes. But no one commented at the time the incident. Witnesses were silenced. An imposition, not to say an absolute inhuman behavior towards all family members. Whether really the whole truth comes to light remains open for the time being.

The case is similar to the flight of MH370.

There is a theory that the NATO wanted to shot against UFOs. (Umberto Telarico)

Hinterlasse einen Kommentar

Eingeordnet unter Allgemein/La redazione/La redaction, Nachrichten, Uncategorized, Ungelöste Fälle